Aiuto allo studio

Incontri in cui l’attività di studio, grazie alla collaborazione con studenti universitari e insegnanti volontari, viene indirizzata ad individuare un personale metodo con cui entrare in un rapporto vero e possibile con la realtà.

La Fondazione Enrico Zanotti, grazie all’incontro e alla collaborazione con insegnanti e studenti universitari ha attivato dal 2007 il Metodo di aiuto allo studio per tutti gli studenti delle scuole medie e superiori.

Il metodo offre ai ragazzi la possibilità di essere seguiti individualmente da insegnanti, studenti laureandi e studenti laureati che li affiancano non solo per aiutarli nelle materie dove hanno maggiori difficoltà, ma che li spronano ad individuare un personale metodo di studio, adeguato alla loro persona e alle inclinazioni diverse che ognuno di loro possiede.

La caratteristica principale del Metodo è l’essere riusciti a dar vita a spazi aggregativi in cui i ragazzi percepiscono che ci si può divertire anche studiando. Per cui, accanto all’attività di studio, spesso gli incontri vengono preceduti da un momento introduttivo con la visione di uno spezzone di film, la lettura di una poesia, l’ascolto di un brano musicale: questo momento, che si conclude con un confronto tra studenti e volontari, aiuta i ragazzi a capire come sono, a scorgere desideri e attitudini, a comprendere che ognuno di noi è provocato dalla realtà.

La matematica, l’italiano, così come la fisica e la topografia sono ponti costruiti da chi ci ha preceduto per entrare in un rapporto vero e possibile con la realtà, ma è necessario che qualcuno diriga lo sguardo dei ragazzi in modo che possano vedere questo ponte, scoprendo così il nesso tra ciò che c’è e noi.